Che cos’ la fibra ottica? Perchè scegliere la tecnologia FTTH

Risultati immagini per FTTH

Nell’ambito delle telecomunicazioni il termine si differenzia per indicare le diverse configurazioni. I termini più diffusi oggi sono:

  • FTTN – Fiber-to-the-node o anche Fiber-to-the-Exchange (FTTE) (letteralmente “fibra fino al nodo” o “fibra fino allo scambio”): il collegamento in fibra ottica arriva in una cabina esterna distante diversi chilometri dalla sede del cliente cioè tipicamente fino alla centrale telefonica  della rete telefonica, mentre il collegamento finale rimane su filo di rame.
  • FTTC o FTTS – Fiber-to-the-cabinet o Fiber-to-the-curb o Fiber to the Street (letteralmente “fibra fino all’armadio” o “fibra fino al cordolo del marciapiede”): il collegamento (molto simile al FTTN), arriva in una cabina esterna molto vicina alla sede dell’utente o al successivo armadio distributore, tipicamente entro 300 metri.
  • FTTB – Fiber-to-the-building o Fiber-to-the-basement (letteralmente “fibra fino al palazzo” o “fibra fino alle fondamenta”): il collegamento in fibra ottica raggiunge il limite della costruzione, per esempio sino alla cantina per una o più abitazioni, mentre il collegamento finale con l’appartamento rimane su filo di rame oppure con cablaggio in fibre ottiche polimeriche e tecnologia ethernet.
  • FTTH – Fiber-to-the-home (letteralmente “fibra fino a casa”): il collegamento in fibra ottica raggiunge la singola unità abitativa, per esempio una scatola sul muro di una casa. È la soluzione più costosa,.

Le connessioni FTTH sono le più veloci attualmente sul mercato poiché eliminano del tutto il passaggio dei dati su reti ADSL tradizionali in rame, che sono molto meno performanti di quelle in fibra ottica. Purtroppo, necessitando di infrastrutture all’avanguardia, la tecnologia FTTH è attualmente disponibile sono in poche grandi città come per esempio Milano, Bologna e Torino dove sono attivabili offerte con velocità massima di download dichiarata di 500 Mb/s.

A metà strada fra una connessione FTTH totalmente in fibra ottica e una connessione ADSL classica su doppino di rame ci sono le connessioni “Fiber To The Cabinet”, in cui la fibra ottica arriva fino alla centralina più vicina alla presa telefonica domestica che ad oggi sono sicuramente più diffuse delle reti FTTH. In ogni caso, il panorama evolve velocemente e un numero sempre maggiore di città si aggiunge all’elenco di quelle in cui è possibile richiedere questo servizio: scopri subito se anche la tua area è coperta e trova le offerte Internet fibra ottica con cui puoi navigare fino a 100 meg

  • FTTP – Fiber-to-the premises (letteralmente “fibra fino ad edificio con terreno”): termine generico usato in contesti diversi al posto di FTTH oppure al posto di FTTB. Il collegamento in fibra ottica raggiunge sia case per uso residenziale sia edifici di piccole imprese.

Le tre istituzioni per la promozione di reti di tipo FTTH di Europa, del Nord America e dell’Asia-Pacifico hanno concordato le definizioni per FTTH e FTTB, per poter effettuare un confronto coerente del tasso di penetrazione del FTTH nei differenti paesi.[1] Al contrario, per FTTC e FTTN i tre Council FTTH non hanno concordato definizioni formali.

Vale la pena sottolineare che il termine Fiber-to-the-telecom-enclosure (FTTE) non è considerato parte del gruppo di tecnologie FTTx, nonostante la somiglianza nel nome. FTTE è una forma di cablaggio strutturato utilizzato tipicamente nella rete locale aziendale, dove viene utilizzato per collegare in fibra ottica l’armadio di distribuzione di piano con la scrivania o la postazione di lavoro. Allo stesso modo, per fiber-to-the-desk si indica una connessione in fibra che parte dalla sala dati principale e collega un terminale su una scrivania.

La caratteristica peculiare di queste soluzioni ottiche di accesso è che tanto più ci si avvicina con la fibra ottica verso l’utente tanto più è possibile aumentare la velocità di trasmissione offerta all’utente nel restante tratto in doppino in rame attraverso un DSLAM e le varie tecnologie DSL (ADSL e ADSL2 a ADSL2+, VDSL e VDSL2).

Leave a Reply

Lascia un commento